Nel 1967, l’artista concettuale americano Sol LeWitt ha rivoluzionato la concezione artistica con il saggio “Paragraphs on Conceptual Art“. Affermava che, nell’arte concettuale, l’idea prevale sull’esecuzione, ridefinendo il ruolo dell’artista come ideatore.

LeWitt e altri artisti, come Donald Judd o Daniel Buren, hanno adottato Certificati per le loro opere. Questi documenti dettagliano l’idea, liberando l’arte dalla dipendenza dalla manualità dell’artista.

Con l’arte concettuale, la possibilità di vendere l’idea stessa diventa centrale. I Certificati diventano strumenti di circolazione, gestendo vendite e prestiti, offrendo una nuova prospettiva sul valore artistico.

Il dialogo tra diritto e arte si intensifica quando l’opera si trasforma in concetto. Come gestire legalmente un’idea artistica? I Certificati diventano un terreno di esplorazione, sfidando le tradizionali definizioni di autenticità e proprietà.

In conclusione, l’arte concettuale, con il suo focus sull’idea, apre nuove frontiere di discussione, dove diritto ed espressione artistica si intrecciano in un contesto sempre più sfaccettato.

Per leggere l’articolo intero, seguire il link.

vendere idea creativa