Il recente arresto del restauratore Neil Perry-Smith solleva domande sulla complicità dei restauratori nel traffico d’arte. Altri casi simili sollevano dubbi sulla necessità di regolamentare la professione.

Restauratori come Perry-Smith sono stati accusati di agevolare il traffico di beni archeologici rubati, mettendo in discussione l’integrità della categoria.

L’opportunità di regolamentare la professione di restauratore viene dibattuta, simile ad altre professioni. Questo solleva la questione fondamentale: cosa significa veramente “restauro”?

La definizione chiara del restauro e la riflessione sulla regolamentazione sono fondamentali per bilanciare la preservazione artistica con la lotta contro il traffico illecito.ù

Per leggere l’articolo intero, seguire il link.