La Corte Suprema americana ha concluso la disputa tra Lynn Goldsmith e la Andy Warhol Foundation riguardo a un ritratto di Prince, sollevando questioni cruciali sul confine tra “fair use” e violazione dei diritti d’autore nell’arte.

Goldsmith aveva originariamente creato il ritratto per Newsweek, ma Warhol, con licenza da Vanity Fair, ha prodotto opere basate sulla fotografia senza il consenso di Goldsmith, innescando la controversia.

La Corte ha stabilito che la licenza concessa da Warhol costituisce una violazione dei diritti d’autore di Goldsmith, sottolineando l’importanza di valutare attentamente la natura dell’utilizzo commerciale rispetto al “fair use”.

Il caso solleva domande chiave sul confine tra creazione originale e utilizzo derivato nelle opere d’arte, influenzando la discussione sulla tutela dei diritti d’autore nell’arte contemporanea.

Per leggere l’articolo intero, seguire il link.

Andy Warhol, Orange Prince, 1984