La Svizzera ha istituito un nuovo comitato per valutare le controversie legate alle opere trafugate durante il periodo nazista e per gestire richieste di restituzione di oggetti d’arte acquisiti durante il colonialismo.

Con particolare attenzione, si esplorano motivi che potrebbero spingere l’Italia a prendere tale iniziativa come esempio.

L’analisi accurata dell’autrice Sharon Hecker offre una prospettiva informativa e stimolante che approfondisce la comprensione delle tematiche relative al patrimonio culturale.

L’articolo completo può essere letto tramite il seguente link.